Diario di bordo (sdi Bonghi): a Carnevale ogni concerto vale!

Lo scorso febbraio ci siamo concentrati ad approfondire l’intelligenza musicale e le sezioni hanno lavorato sul ritmo ascoltato da Ape Pita e Vanda La Lavanda(le mascotte di quest’anno educativo) nei primi giorni del mese: TUM TUM CHA! (omaggio alla mitica We will rock you).

Le sezioni hanno intrapreso percorsi diversi a seconda delle abilità e dell’interesse dimostrato dai bambini. Si è lavorato molto sul ritmo e i bambini hanno mostrato interesse e orecchio musicale.

Ogni sezione ha pensato e dato vita ad una canzone partendo dal ritmo proposto da Vanda e Pita. Il famoso “Tum Tum Cha”, ritmo che è arrivato fino alle case dei bambini e che, insieme ai genitori , hanno cercato di riprodurre insieme attraverso simpatici video.


Nella sezione degli esploratori (bimbe e bimbi di 3 anni) si sono realizzati e costruiti strumenti musicali con materiale di riciclo (ad esempio usando i tappi di plastica per fare le nacchere; i tubi di carta per fare dei tamburelli; le palline di natale e lenticchie per fare le maracas; gli elastici per fare delle arpe) dando vita ad una scatola della musica da tenere in sezione che i bambini potranno utilizzare ogni volta che vorranno. Gli esploratori hanno creato proprio il ritmo del mese, producendo poi una canzone di classe “Gli esploratori pazzerelli”.


I navigatori (4anne) hanno lavorato molto su musica, colore ed emozioni, prendendo come spunto il pittore russo Kandisky: hanno ascoltato, osservato e riprodotto con tecniche miste, quadri del pittore che riassumevano il suo punto di vista rispetto al connubio tra colore e musica.

Per Kandinsky la musica era una sorta di ossessione: i colori venivano da lui avvertiti come un “coro” da fissare sulla tela. “Il colore è un mezzo che consente di esercitare un influsso diretto sull’anima. Il colore è il tasto, l’occhio il martelletto, l’anima il pianoforte dalle molte corde” (Vasilij Kandinskij, Lo spirituale nell’arte) .

I navigatori si sono immersi nella magia della musica classica, attraverso le magiche note de Lo schiaccianoci di Cajkovskij. Si sono messi in ascolto e son diventati topolini e soldati che si muovevano ascoltando la musica, eseguendo ciascuno la melodia assegnata al proprio personaggio (il gioco lo abbiamo imparato negli scorsi anni dal maestro di musica Roberto Gallina). Alla fine hanno voluto ricreare dei disegni che rappresentavano i personaggi stessi.

Gli argonauti (5enni) si sono concentrati sul ritmo con il corpo e gli strumenti , fino a creare una canzone di classe, inventata da loro e riprodotta in sincrono come fosse un rap.


Abbiamo quindi creato un momento dedicato ai singoli percorsi musicali di ogni sezione, per dare il giusto valore a tutte le magnifiche attività svolte e a tutti gli spunti e riflessioni scaturite dai bambini e culminate in un magnifico Concerto di Carnevale.

Sono così nate tre differenti “opere musicali” :

  • gli Esploratori hanno usato corpo e mani per tenere il ritmo e ricreato il Tum Tum Cha cantando la canzone Esploratori pazzerelli;
  • i Navigatori hanno danzato sulla musica dello Schiaccianoci dividendosi in soldati e topolini;
  • gli Argonauti hanno cantato una canzone di sezione “Ritmo e parole” tenendo il ritmo con le mani e cantando.

È stato un successo e i bambini erano talmente entusiasti che in autonomia hanno iniziato a ricreare tutti insieme insieme il ritmo di We will rock you, replicandolo anche nelle attività in outdoor facendo tintinnare sassi e bastoni

Un bel momento di festa per i bambini, uniti in un “abbraccio sonoro” che fa Tum Tum Cha!

di Federica P. e Irene S.

(rispettivamente) coordinatrice ed educatrice scuola dell’infanzia della Giocomotiva di Via Bonghi


mercoledì 03 Marzo 2021