Biofilia: l’importanza del contatto con la Natura

Nel mese di febbraio ha preso avvio, nella sede di via Cesare Zocchi, il progetto Natura indoor che ha visto l’introduzione di alcune piante nelle nostre sezioni: diversi studi pedagogici dimostrano, infatti, che la presenza delle piante indoor consente ai bambini di creare un legame emotivo con esse stimolando così una connessione con la Natura.

Angolo Verde con “Vanda La Lavanda” e “Ape Pita”
Una pianta di sezione


Prendersi cura delle piante stimola, infatti, quella che E. O. Wilson chiama biofilia, ossia “l’innata tendenza dell’uomo a concentrare la propria attenzione sulle forme di vita e su tutto ciò che la ricorda, e in alcuni casi addirittura affiliarvisi emotivamente” (Wilson, 2002, p.134). Questa connessione è innata, ma non istintiva quindi necessita di una continuativa stimolazione per potersi manifestare completamente.

Il “giardiniere”

Annaffiando la propria piantina i bambini colgono il senso di responsabilità nei suoi confronti, facendo nascere la consapevolezza che ha bisogno di loro per poter sopravvivere. “Sensibilizzando i bambini a questi legami ecologici che includono tutti noi è possibile educare a un comportamento rispettoso, consapevole e di salvaguardia verso la Natura” (Schenetti, Salvaterra Rossini, 2015).

Un gruppo di “giraffe” (bimbi 2-3 anni) si prende cura delle piantine di sezione

Nell’anno in cui il nostro fil rouge si pone come obiettivo quello di riscoprire la piacevolezza del prendersi cura non potevamo che scegliere di inserire nei ruoli mattutini, anche, il giardiniere o la giardiniera incaricati di prendersi cura dell’angolo verde innaffiando le piantine e osservandone i cambiamenti: nasce così il senso di responsabilità verso il mondo vivente di cui dobbiamo avere cura e rispetto.

Il melo del cortile di Via Bonghi

di Anna Maria Q.

educatrice alla scuola dell’infanzia La Giocomotiva di Via Zocchi


venerdì 26 Febbraio 2021